blogger contest
I fantasmi di pietra, dalla Becca di Viou verso sud

I fantasmi di pietra, dalla Becca di Viou verso sud

Martina Camilla 140x140

27 anni, grafica. Mi piace sentire la montagna, il suo odore. Viverla in tutte le sue espressioni. Sono nata circondata dalle montagne, non posso non scrivere di loro.

SCOPRI GLI ALTRI BLOGGER

BECCA DI VIOU 2859 m slm

di Martina Camilla Bevilacqua (Verres, AO)

Venerdì 29 maggio
Ore 18, 16 minuti e 47 secondi. Non di più, non di meno.
Si parte. Nel comune di Roisan, nella frazione di Blavy lasciamo la macchina.
Sentiero 105. Si sale, si sale, si sale e si sale ancora. Un lunghissimo sentiero. 1418 m di dislivello, non ero mai salita così tanto. Forse questa è la volta in cui ho faticato di più. Il bivacco Penne Nere non arrivava. Continuavamo a salire. Ero stremata. Gli ultimi 80 metri sembravano la scalinata del Campanile di Giotto. E poi finalmente eccolo. Nel buio, nel silenzio delle vette finalmente il bivacco.

Minestra, anzi, “minestrone”… La mocetta, perché con una passeggiata che si rispetti, la mocetta non deve mancare mai e una tisana bollente aromatizzata ai profumi inebrianti di génépy. Notte. Freddo.

Sabato 30 maggio
Niente sveglia, ma gli occhi alle 6.00 sono già aperti. Intravvedo il sole dall’unica finestra aperta. Voglio uscire. Voglio essere da sola sulle rocce a vedere il sole che picchia sulle cime. Allora mi srotolo dal sacco a pelo ed esco. Solo io, il freddo, il cielo e le altezze. Solo beltà. I lunghi raggi, come lame iniziano il loro cammino sulle montagne.

Riprovo a dormire. Ma oramai era troppo tardi. Sveglia e tutti in piedi. Colazione e via. Si scende dall’altra parte, verso il lago di Arpysson, poco sotto il bivacco. Che spettacolo il ghiaccio che si scioglie. L’acqua celeste.

Si risale, perché alla Becca di Viou non ci siamo ancora arrivati. Iniziano anche ad arrivare i primi esploratori del mattino. Arriviamo alla cima, la croce e la frase:
“C’est Lui qui forme les montagnes et qui crée le vent, qui révèle à l’homme ses pensées. Qui change l’aurore en ténèbres et qui marche sur les hauteurs de la terre. Seigneur. Dieu de l’univers, est sont nom!” (Amos 4.13).

Un panorama incredibile, montagne a più non posso. Cime ovunque. Surreale. Stupendo. Senza fiato. Senza confini. Come volare.
Qualche foto di rito, una breve sosta e si ridiscende per il pranzo al bivacco.
Ovviamente la tisana aromatizzata allo génépy ci stava che era una meraviglia e puntuale a seguire il sonno ha fatto il suo capolino, fare resistenza era inutile. Mezz’oretta e poi scendiamo. Ancora 5 minuti, ancora 10 minuti. Un’oretta e finalmente siamo ripartiti per casa.

Adoro questi fine settimana. Adoro rendermi conto che ce la posso fare.
Faticare così tanto per uno spettacolo simile. Perché nelle cose semplici non c’è gloria.
Più vado avanti e più mi rendo conto che vorrei esplorare ancora di più. Viaggiare ancora. Allontanarmi il più lontano possibile.


 diario icona_01

il mio blog | http://lemontagne.tumblr.com

Il mio blog è nato dalla passione per la montagna, per la fotografia e il freddo. Scrivo brevi racconti di avventure montanare.

Redazione altitudini.it autore del post

Red. ≈altitudini.it | La redazione di altitudini.it racconta e discute di montagna e alpinismo.

6 commento/i dai lettori

Partecipa alla discussione
  1. kochkaivanIvan il16 giugno 2015

    Perchè più in alto è più bello! ;)
    Complimenti per il blog… preferisco vivere direttamente la montagna piuttosto che cercare di tradurre le emozioni degli dalle parole scritte, ma il tuo modo di scrivere diretto e senza troppi fronzoli accessori mi invoglia a visitare i posti di cui parli con un’unica domanda in testa: “chissà come sarà..”.
    I.K.

    • È si, è così! Più in alto arrivi, più lontano vedi! Ed è bellissimo. E in quel momento non c’è nessun altro posto in cui vorresti trovarti!
      Grazie

  2. chiaraborg il16 giugno 2015

    Good Luck Martina! Your work is outstanding

  3. Davide Torri
    Davide Torri il15 giugno 2015

    Martina, il tuo blog è tra i miei preferiti, mi piace molto il tuo modo di raccontare: senza timori, senza “veli”. E le immagini sono molto belle…auguri per il BC_2015 (che già dai primi che sono nel Contest si prevede di grandissima qualità.

Rispondi a chiaraborg Annulla risposta